Una ricetta: Confettura di ciliegie nere al Cormit

Il Cormit incontra le ciliegie

Gentile pubblico, gentilissimo privato…

Grazie mille per tutti i riscontri legati alla precendente ricetta, molti amici che abbiamo incontrato hanno seguito il nostro consiglio regalandosi una serata in veranda al fresco con le fragole accompagnate al nostro Sarco 2007.

Ora vogliamo proporvi un’altra ricetta che ben si sposa con il periodo quasi estivo e con un frutto di stagione tra i più golosi: la ciliegia.

Pronti dunque ai fornelli per un altra ricetta da provare e gustare…

Confettura di ciliegie nere al Cormit

Ingredienti :

  • 1 kg di ciliegie nere
  • 600 gr zucchero
  • 1 dl di vino rosso

In più:

  • Vasetti per conserve e marmellate con tappi idonei alla conservazione (i classici “Quattro Stagioni – Bormioli Rocco” o similari)

———

Preparazione :

Snocciolate le ciliegie con l’apposito attrezzo e disponetele all’interno di un tegame capiente e largo. Attenzione a non disperderne il succo ed a mantenerle intere senza schiacciarle.

Copritele con lo zucchero e lasciatele macerare per una giornata intera.

Passate le 24 ore travasate il tutto in una pentola, meglio se di rame non stagnato. Ponete il tutto a fuoco basso e calore moderato, mescolando spesso e schiumando di tanto in tanto.

Non appena raggiunta la giusta densità (circa 25 minuti di cottura) unite il vino e schiumate un’ultima volta se necessario.

Mettete la confettura nei vasetti di vetro sterilizzati e, nel frattempo riscaldati.

Mi raccomando: attenzione a non scottarvi!

Chiudete ermeticamente i vasetti, capovolgeteli e lasciateli raffreddate del tutto in questa posizione.

Sterilizzazione :

Una volta raffreddati, girate i vasetti e poneteli in una pentola sufficientemente grande per contenerli tutti. Avvolgeteli con uno o più canovacci da cucina e copriteli ben bene di acqua a temperatura ambiente. Durante la sterilizzazione i vasetti non dovrebbero mai uscire dall’acqua in ebollizione, mantenete dunque all’inizio uno strato d’acqua sopra i vasetti di almeno 4-5 cm.

Ponete sul fuoco e fate bollire l’acqua per almeno 25/30 minuti. Una volta passati spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

I vasetti sterilizzati si riconosceranno dal rumoroso “Click” che sentirete dai tappi in fase di raffreddamento e dal tipico sottovuoto visibile sul tappo una volta pronti.

 Come servirla :

La confettura di ciliegie nere al Cormit è ottima come confettura nella preparazione di merende, ma da il meglio di se quando accompagna il gelato al fiordilatte o alla crema. Un cucchiaino di confettura con alcune ciliegie come decorazione renderanno speciale il vostro gelato in una serata importante con gli amici o solamente dedicata a voi.

.

Il Cormit “La Costa” (2007) rappresenta un buon abbinamento in questa ricetta in quanto affianca la sua rotondità al gusto fresco delle ciliegie, mentre i sentori di confettura amarena esaltano ancor di più questa dolce unione di ingredienti nobili ed estivi. 🙂

Lo staff
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)
Annunci

Thanks Good is friday…

The Big Kahuna (1999), un fotogramma del film

 Thanks Good is friday…

Un modo di dire tipico dei paesi anglosassoni che suona da noi più o meno come:

Grazie a Dio è venerdi…

Abbiamo passato una settimana molto impegnativa in Cantina: stiamo preparando i nuovi percorsi degustativi, lavorando ai progetti della nuova sede, stringendo contatti importanti e fissando appuntamenti per la settimana prossima.

Inoltre tra pochi giorni usciremo con una nuova ricetta che abbraccia i nostri vini, la stiamo provando in questi giorni sul gelato e sta dando ottimi frutti.

Ma come?? Il vino sul gelato??

Vi aspettiamo naturalmente qui per provare un abbinamento spettacolare tra vino, ciliegie e crema al fiordilatte… 😛

Un ultima cosa prima di augurarvi un bel fine settimana, anzi due:

  1. innanzitutto domani mattina vi aspettiamo in cantina a Sarcedo, se volete passare a trovarci, trovate l’indirizzo qui;
  2. e poi stasera, prima di lasciare l’ufficio sotto la pioggia scrosciante, c’era una strana aria… ricca di pensieri! Abbiamo la fortuna di lavorare ad un progetto che ci entusiasma ogni giorno, ci crediamo profondamente e non vediamo l’ora di poterlo condividere appieno con voi! Un progetto che coinvolge un vigneto fantastico, dei ragazzi straordinari, dei vini eccellenti, cultura, territorio e molto altro ancora.

Vi lasciamo dunque un monologo famosissimo che riassume un po’ dei pensieri corsi questi giorni. Per chi lo conosce già e per chi vorrà scoprire una piccola perla del cinema.

Il film è “The Big Kahuna” del 1999, una pellicola che è quasi una Pièce teatrale, e racconta che in fondo, in un mondo ormai digitale e troppo veloce, noi esseri umani siamo ancora un po’ analogici ed è bello ritrovare a volte il proprio tempo ed il nostro lato più intimo e personale.

Monologo: Accetta il consiglio – The Big Kahuna

fonte: YouTube

Buon fine settimana,

Lo staff
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)

Una ricetta: Fragole al Vino rosso

Il Sarco incontra le Fragole

Oggi vi vogliamo stuzzicare…

Chi l’ha detto che i rossi d’estate non si possono usare?

Provate questa semplice ricetta, ideale sia come un  fresco aperitivo prima di una cena tra amici, sia come after-dinner in queste vivaci serate di primavera, magari sotto una bella veranda pensando alle ferie ormai in arrivo.

Una spesa veloce, uno sprint in cucina e via che si parte…

Fragole al Vino rosso

Ingredienti :

  • 500 gr di fragole profumate e mature, meglio se da coltivazione biologica;
  • 1 bottiglia di Sarco “La Costa” (2007);
  • 1 pezzetto di cannella;
  • 1 limone e 1 arancia;
  • 100 gr di zucchero;
  • zucchero per decorare;
  • qualche chiodo di garofano;

———

Preparazione :

Lavare le fragole Bio in acqua fresca ed asciugarle dolcemente con un panno pulito.

Tagliate le fragole più grandi e mettetele assieme alle più piccole, lasciate intere, in una terrina. (Tenerne alcune a parte per la decorazione). Unire il Sarco, lo zucchero, la cannella, i chiodi di garofano ed una scorzetta di limone e di arancia, facendo attenzione a scartare la parte bianca dell’agrume. Lasciare macerare in frigorifero, ben coperte, per almeno due ore.

Decoriamo i calici :

In un recipiente mettete un po’ di succo di limone e di arancia, fino a formare uno strato di succo di pochi millimetri di altezza. In un altro recipiente preparate un po’ di zucchero, bianco o di canna a seconda della vostra preferenza.

Capovolgete i bicchieri e bagnate il bordo superiore nel succo di limone e arancia e successivamente immergetelo nello zucchero. Lo zucchero rimarrà bello attaccato al bordo del bicchiere, creando un grazioso effetto diamantini.

Come servirlo :

Eliminate dalla terrina la buccia del limone e dell’arancia e tutti gli aromi. Con un cucchiaino togliete alcune fragole dalla terrina e sistematele sul fondo dei calici, riempite con il vino e decorate infine con le fragole tenute da parte in precedenza.

.

Il Sarco “La Costa” (2007) ben si affianca ad un frutto nobile e profumato come la fragola. I suoi sentori speziati  e le fragraze di frutti rossi renderanno questa preparazione sicuramente interessante ed intrigante, regalandovi un’ottimo aperitivo/after-dinner leggero e con la giusta punta di creativo. 🙂

Lo staff
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)

Sapor Di Vino 2011 – Un Bilancio Finale

Eccoci di ritorno!

Il fine settimana siamo stati ospiti di una importante manifestazione legata al mondo del vino e alle specialità gastronomiche del Veneto.

Il contesto era sicuramente evocativo: Villa Trissino-Marzotto si è rivelata una cornice splendida per un raduno delle eccellenze enogastronomiche della nostra Regione.

Sono stati due giorni molto intensi e carichi di emozioni, per questo vorremmo ringraziare moltissime persone e tracciare un bilancio finale di Sapor Di Vino 2011.

In primo luogo una grande riconoscenza va a tutti i visitatori che sono stati ospiti del nostro stand nel meraviglioso Salone degli Arazzi all’interno della Villa. Raccontarvi il nostro vino, come lo produciamo, tutti i nostri progetti e le collaborazioni ed il mondo del Biologico – in cui ci impegnamo ormai da qualche anno – è stato per noi motivo di grande soddisfazione e piacere.

Veder poi le nostre etichette apprezzate da professionisti e cultori del settore, unita alla soddisfazione di poter rispondere alle curiosità di tutti gli appassionati che si stanno avvicinando al mondo del vino d’eccellenza, ha rappresentato per tutto il nostro staff un motivo di orgoglio ed una spinta a migliorarsi ancora e ad inseguire traguardi più alti.

Un ringraziamento va inoltre all’organizzazione ed in particolare ad Albert, un direttore d’orchestra sicuramente preparato, a tutte le ragazze del service, che hanno corso velocemente per aiutarci tutti e due i giorni fornendo un servizio impeccabile unito ad un sorriso bellissimo, ed a tutte le persone che hanno curato la villa e le cerimonie collegate.

Unica nota leggermente dolente è stata l’inclemenza del tempo e la pioggia di domenica, che comunque ha influito solamente in parte sulla manifestazione vista l’affluenza comunque alta del fine settimana.

Ma d’altronde se è vero che “Sposa bagnata, Sposa fortunata” siamo certi che la manifestazione verrà ripetuta con ottimi esiti anche nei prossimi anni portando un ottimo afflusso di persone e la consapevolezza di essere, noi produttori, portatori di preziosità e raffinatezze enologiche e di pregevolezze territoriali tutte da scoprire o riscoprire.

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)

HOME – Un film bellissimo

HOME (2009), di Yann Arthus-Bertrand

Voglio raccontarvi di un documentario visto ieri sera… Visto quasi per caso grazie all’invito di una mia carissima amica ad una piccola rassegna cinematografica in lingua francese.

HOME è un film bellissimo, non c’è che dire!

Creato da Yann Arthus-Bertrand, famoso fotografo naturalista francese, in collaborazione con Luc Besson, regista francese (Nikita, Il Quinto Elemento, Giovanna D’Arco…), vuole essere una fotografia della salute e dello stato attuale di Gaia, il pianeta Terra.

HOME presenta una caratteristica unica nel suo genere: concepito come un reportage di viaggio che tocca tutti e cinque i continenti, si presenta attraverso una voce narrante e l’utilizzo quasi totale di riprese aeree, specialità del fotografo Arthus-Bertrand.

Vi invito a vederlo e a condividerlo con i vostri amici sia per le immagini spettacolari che propone, a volte anche dure e decise, sia per una piccola riflessione sul mondo in cui viviamo, per  prendere coscienza che i grandi cambiamenti nascono dai piccoli impegni quotidiani di ognuno di noi.

Il film è visibile gratuitamente in lingua italiana fino al 14 giugno, vi lascio il link per vederlo e condividerlo:

HOME (2009), di Yann Arthus-Bertrand

fonte: YouTube

…ed inoltre un altro paio di link interessanti sull’autore e sulla sua fondazione per l’ambiente a cui verranno destinati i proventi della vendita del film:

http://www.yannarthusbertrand.org/ sito ufficiale dell’autore del Documentario;

http://www.goodplanet.org/ sito della organizzazione ecologista fondata da Yann Arthus-Bertrand.

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)

L’importanza del Biologico

Una valida alleata del Biologico

Raccontare il mondo e l’importanza che ruota attorno alle metodologie di coltivazione Biologica Certificata significa entrare in un luogo in cui natura e territorio tornano ad essere i protagonisti e gli attori principali.

Ma come si riconosce un prodotto biologico?

L’agricoltura Bio si può definire come l’insieme di tutti quei processi produttivi che mirano a due principi fondamentali: da un lato la volontà di produrre beni di altissima qualità e privi di sostanze e residui chimici di sintesi, dall’altro la riduzione dell’impatto ambientale nell’attività agricola, facendo in modo che ogni terreno venga coltivato nel rispetto dei suoi cicli naturali, in maniera eco-sostenibile e tutelando le risorse naturali in primis l’acqua e le risorse idriche.

La coltivazione Biologica si deve riconoscere innanzitutto all’interno della filiera, imparando ad osservare i luoghi dove vengono seguite le colture e chiedendo senza paura le certificazioni al produttore. Un esame molto semplice consiste nell’osservare l’erba attorno alle colture: un uso intenso di pesticidi e diserbanti difficilmente la rende verde e luminosa come nei campi a coltivazione “naturale”.

In più i prodotti biologici che arrivano sui mercati devono essere contraddistinti da marchi specifici, riconosciuti dalle Direttive Europee, che certificano l’alta qualità dei prodotti attraverso una costante attività di controllo di enti certificati ed autorizzati. Un ottimo aiuto per il consumatore, che meglio si potrà orientare nelle scelte d’acquisto, ed un’ottima tutela per l’agricoltore virtuoso che vedrà riconosciuto l’alto impegno dedicato quotidianamente alla filosofia Bio.

A questi sistemi di produzione possono venir inoltre associate ulteriori certificazioni sulla riduzione delle emissioni di Anidride Carbonica (CO2): mercati a KM ZERO, riduzione e riutilizzo degli imballaggi ed utilizzo di fonti energetiche rinnovabili consentono di puntare ancor di più all’alta qualità, alla salvaguardia ambientale e alla salute di produttori e consumatori.

Un impegno costante ed un progetto che vogliamo portare avanti ogni giorno nel rispetto dell’ambiente e delle nostre coltivazioni per garantire l’eccellenza dei nostri vini.

Lo staff
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)

Sapor Di Vino D.O.C. – Trissino (VI)

La locandina Sapor Di Vino

Vi aspettiamo numerosi presso Villa Trissino Marzotto a Trissino (VI) sabato 14 e domenica 15 maggio per la manifestazione “Sapor di VinoRassegna dei vini DOC del Veneto“.

Un evento molto importante per il territorio che promuoverà il legame fra vino e turismo, gastronomia e realtà locali. Un’ottima occasione per scoprire una delle Ville più suggestive della provincia di Vicenza degustando i nostri vini.

Ci troverete tra gli espositori all’interno della Villa, pronti ad accogliervi e a raccontarvi qualcosa di noi…

 
Lo staff
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)
 

Vi lasciamo il sito della manifestazione per tutte le informazioni

http://www.sapordivinodoc.com/sito/

Hello World!

Una passeggiata fra i nostri vigneti

Hello World!!!

O meglio ancora

Buongiorno Mondo!!!

…per chi ama le tradizioni ed il proprio territorio come noi.

Ci vogliamo presentare e raccontarvi qualcosina della nostra azienda. Certo… non in queste poche righe perchè sono molte le cose da dire e farlo in poche parole sarebbe difficile.

Siamo la Società Agricola “La Costa” di Sarcedo (VI), una piccola realtà che però sta coltivando grandi idee.

Progetti che parlano di coltivazioni Biologiche certificate e di metodi lavorativi sostenibili per l’ambiente, di collaborazioni con il sociale e di promozione del proprio territorio.

Essere depositari di piani di lavoro così stimolanti e sicuramente impegnativi ci rende,  nel nostro piccolo, orgogliosi di ciò che stiamo costruendo giorno dopo giorno e da quest’ idea nasce la voglia di un Blog che racconti il nostro impegno.

Qui troverete tutte le informazioni sulla nostra Cantina Bio ma non solo…

Vi parleremo dei nostri Eventi, della collaborazione con l’Associazione “Filo di Seta – Onlus“, di storie e curiosità legate al nostro territorio, ma anche di eno-gastronomia con alcune ricette speciali da abbinare ai nostri vini, per rendere un’occasione ancor più speciale.

Un Blog dunque aperto che vi stia accanto ogni qualvolta siate alla ricerca di una dritta in più per una serata divertente, per valorizzare un’occasione speciale e per conoscere un mondo affascinante e seducente come quello del Vino.

Vi invitiamo dunque in questa visita alla nostra azienda, al momento solo virtuale, in attesa di avervi graditi ospiti per mostrarvi tutto il nostro mondo…

Lo staff,
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)

CANTINA LA COSTA

...ti aspettiamo per una visita a Villa Enrico!

Punto Vendita e Degustazione:
Via Bordalucchi, 3 - Fara Vicentino (VI)
Tel. 0445-397080 (c/o Casa Enrico)
Fax. 0445-398266
P. IVA 03107780243

www.cantinalacosta.com

CERTIFICAZIONE BIOLOGICA

Ente Certificatore: BIOS_S.r.l. - MAROSTICA (Vicenza)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: