Un buon 2013 da Cantina La Costa… :-)

Buon 2013 da Cantina la Costa

Un augurio da tutto lo Staff di Cantina La Costa a tutti i nostri clienti e a tutte le nuove persone che conosceremo in questo 2013…

Il nostro pensiero per voi passa per le frasi di una delle persone più brillanti del secolo scorso, Albert Einstein, un augurio perché questo nuovo anno sia ancora più leggero e spumeggiante dello scorso 2012, con tantissime novità e cose bellissime ad aspettarvi…

Ve lo abbiniamo al nostro Prosecco Brut La Costa D.O.C. da uve Glera coltivate biologicamente. Buona lettura…

Non pretendiamo che le cose cambino se continuiamo a farle nello stesso modo.

La crisi è la miglior cosa che possa accadere a persone e interi paesi perché è proprio la crisi a portare il progresso.
La creatività nasce dall’ansia, come il giorno nasce dalla notte oscura. E‘ nella crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce le sue sconfitte e i suoi errori alla crisi, violenta il proprio talento e rispetta più i problemi che le soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. Lo sbaglio delle persone e dei paesi è la pigrizia nel trovare soluzioni. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è routine, una lenta agonia. Senza crisi non ci sono meriti. E‘ nella crisi che il meglio di ognuno di noi affiora perché senza crisi qualsiasi vento è una carezza. Parlare di crisi è creare movimento; adagiarsi su di essa vuol dire esaltare il conformismo. Invece di questo, lavoriamo duro! L’unica crisi minacciosa è la tragedia di non voler lottare per superarla.

Albert Einstein (1879-1955)

Buon anno ancora a tutti…

:-)

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)
Annunci

Il Natale si avvicina: un pensiero carino per voi…

La Costa Christmas Cake

La Costa Christmas Cake

Ci siamo…
Natale si sta avvicinando, le prime lucine  spuntano alla sera nelle case, si vedono sorrisi un po’ ovunque nonostante un periodo non proprio sereno, si pensa ad un mondo di regalini per le persone a cui si vuole bene…
Ed un pensiero carino vorremmo farvelo anche noi di Cantina La Costa!

Il Natale è un po’ l’occasione speciale per passare del tempo assieme alle persone a cui vogliamo bene. Dai ricordi di ognuno è semplice ritrovare le immagini della preparazione dei pranzi di Natale: chi cucinava, chi decorava, chi faceva gli assaggini prima di arrivare in tavola…

Per questo abbiamo pensato che sarebbe bello regalarvi una ricetta al giorno… Idee semplici, da provare assieme al vostro compagno o compagna, amico/a, i vostri figli o con una persona che non sentite da un po’, così avrete la scusa di rivedervi per un the assieme…

Dagli antipasti colorati ai secondi succulenti, passando tra primi piatti invitanti e dolcetti fatti a mano che saranno la gioia dei vostri occhi, il tutto assieme ai nostri piccoli segreti per preparare queste ricette e agli abbinamenti ai nostri vini strepitosi, in particolare al Masot La Costa ed al nostro Prosecco Brut Bio.

Vi diamo appuntamento:

…a domani per scoprire le stagionalità di Dicembre;

…e a sabato 8 dicembre quando per tradizione si preparerà l’albero di natale e scopriremo assieme la prima ricetta.
(un suggerimento: sarà un antipasto buonissimo, molto in voga nelle osterie veneziane e da abbinare al nostro Prosecco Bio)

:-)

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

“OLTRE” – Uno spettacolo teatrale della Compagnia Il Grillo pensante

Domenica 02 dicembre ore 17.30

OLTRE
Compagnia Il Grillo Pensante

Il teatro è un gioco aperto al quale chiunque può partecipare perché si basa su una materia prima che chiunque è in grado di fornire: la presenza umana.

oltre - Il Grillo Pensante

Oltre – domenica 2 dicembre, ore 17:30

I testi dello spettacolo sono stati scritti interamente dagli attori stessi attraverso la tecnica della Comunicazione Facilitata Tecnica Aumentativa Alternativa Alfabetica del Linguaggio. Essa consiste in un metodo alternativo di comunicazione per persone che non possiedono linguaggio verbale o lo possiedono limitatamente.

Lo spettacolo è nato nell’ambito del progetto teatrale “Spazio Zero”, laboratorio espressivo che si svolge presso Il Grillo Pensante e che ha già portato in molti teatri un primo spettacolo intitolato “Non è stato inutile”.

Il Grillo Pensante è un centro per la valutazione e il trattamento dei deficit comunicativi, cognitivi e relazionali e per la valutazione e il trattamento dei DSA.

Il Grillo Pensante offre servizi di consulenza, formazione, prevenzione, educazione e riabilitazione a persone con disagi, disabilità della comunicazione e della relazione,disturbi dell’apprendimento. Si rivolge a Bambini, Ragazzi ed Adulti. È un centro dove si formulano e si sviluppano itinerari riabilitativi e formativi per far vivere diversamente la difficoltà. È un luogo dove c’è voglia di “osare” e “guardare” oltre il muro dell’impotenza e c’è voglia di insegnare che si può guardare con altri occhi ciò che ci sembra, da sempre, banale e restarne stupiti e ammirati.

Tra gli attori che reciteranno troveremo anche alcuni ragazzi del Filo di Seta Onlus, ospiti di Casa Enrico.

Un augurio da parte di tutto lo staff di Cantina La Costa per lo spettacolo e vi invitiamo naturalmente a partecipare numerosissimi per sostenere questi attori straordinari e premiare il loro lavoro e la loro passione.

Attori: Anna Back, Anna Pastorello, Alessandra Dalle Rive, Antonio Cavaliere, Chiara Noli, Corley, Clyde, Daniele Zamboni, Fabio De Tomasi, Matteo De Tomasi, Nicola Fabris.

Regia: Enrico Gaspari

Aiuto regia/ Scenografia: Martina Michelusi

Aiuto regia e musiche: Federico Simonato

Luci: Daniele Dalla Vecchia

Ingresso 5,00 Euro

è consigliata la prenotazione a info@spaziokitchen.it oppure con un sms al 3355625286 (lasciando nome, cognome, numero posti).
La prenotazione è valida fino alle ore 17.20

Come raggiungerci:

icona_raggiungerci
↑ clicca qui ↑

KITCHEN Teatro Indipendente
via dell’Edilizia 72 (laterale di via dell’Industria) – VICENZA
www.spaziokitchen.it

Benvenuto Novembre: i prodotti stagionali di questo mese

Benvenuto Novembre…

Inauguriamo oggi questa nuova sezione, all’interno del nostro Blog, dove parleremo di stagionalità dei prodotti e dei tesori gastronomici che mese per mese ci accompagnano nelle nostre tavole. Un piccolo taccuino per scoprire i prodotti tipici di ogni periodo dell’anno.

Perchè nutrirsi con frutta e verdura di stagione?

.

   La frutta e le verdure di stagione portano con se innumerevoli vantaggi sotto un punto di vista nutrizionale. La bellezza della stagionalità nei prodotti agricoli è di avere ogni mese nelle proprie tavole prodotti invitanti, per quanto riguarda forme e colori, e assolutamente appetitosi se parliamo di gusto e sapore.

Vitamina…

   La terra ha la magia di saper infondere in ogni pianta sostanze nutritive importantissime per la nostra alimentazione e di saperle concentrare nei propri prodotti in ogni periodo dell’anno a seconda delle caratteristiche di ogni frutto…

Tradizioni e innovazione…

   Un altro vantaggio riguarda le nostre tradizioni alimentari. La possibilità di ottenere frutta e verdura in periodi diversi dalla stagionalità tradizionale è una conquista relativamente recente. Per secoli i nostri nonni ed avi  hanno convissuto naturalmente con i prodotti tipici di ogni periodo abituando il corpo a questo tipo di alimentazione. Una traccia del nostro patrimonio genetico che ci accompagna ancora oggi. Per questo è importante seguire i prodotti di ogni stagione, dando una continuità naturale alla nostra tipologia di alimentazione divertendosi a scoprire sempre nuove ricette…

Gusto…

Inoltre non possiamo dimenticare un fattore semplicissimo, ma fondamentale: il gusto!Avrete sicuramente provato il sapore di un pomodoro appena staccato dalla pianta nei mesi estivi ed il gusto di un pomodoro acquistato a gennaio. Due mondi lontanissimi e sicuramente imparagonabili al vostro palato…

Risparmio…

In questo periodo parlare di risparmio è diventato di estrema attualità… Le verdure e la frutta di stagione sono molto più economiche di altri prodotti fuori stagione, vista la loro abbondanza in quel periodo. Un motivo in più per farvi star bene e farvi sorridere in tavola…

♣♣♣

E se non vi abbiamo ancora convinti provate le specialità di Novembre, tutte materie prime eccezionali come basi ed ingredienti per le vostre ricette strepitose…

.

Un promemoria per la tua spesa:

La frutta e gli ortaggi stagionali di Novembre

(Scarica/Download)

.

La Frutta di Novembre

 

pere, mele, uva, melograni, cachi, castagne, noci, nocciole, clementine

si cominciano ad avvistare i primi mandarini e le prime arance

(ma consigliamo di aspettare un po’)

La verdura di novembre

broccoli, cardi, cavolfiore, cavolini di Bruxelles, cavolo cappuccio, cavolo verza, porro, rape e sedano rapa

e’ possibile trovare ancora non per molto (diciamo fino alla fine del mese) bietole da coste, carote, catalogna, cicoria, cicoria belga, finocchio e ancora qualche sedano.

La novità più importante del mese è sicuramente il carciofo che, variando luoghi di provenienza (e di conseguenza varietà), ci accompagnerà fino a maggio

:-)

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

SCHIO – CHEF PER UN GIORNO 2ª Edizione

Schio – Chef per un giorno, 2a edizione

Avete impegni martedi 16 ottobre??

🙂

se siete liberi, se cercate una seratina un po’ particolare, se siete dei Gourmand o dei curiosi alla ricerca di gusti ed abbinamenti speciali vi segnaliamo una serata speciale da mettere in agenda.

Martedi prossimo, presso il Ristorante PONTE D’ORO in località Liviera di Schio, si terrà la serata

SCHIO

– CHEF PER UN GIORNO –

…in cui cinque Chef professionisti proporranno altrettante portate a base di Tortellini e Ravioli, il tutto accompagnato da ottimi vini. Sarà dunque una Degustazione guidata interessantissima e molto particolare, sia per gli accompagnamenti fra la pasta fresca ed i sughi, sia per l’abbinamento fra le pietanze e gli ottimi vini che verranno proposti.

La serata è organizzata da Antiche Tradizioni Venete, un’associazione culturale di Schio ben radicata nel territorio e con finalità e scopi di solidarietà.

Vi invitiamo a scoprirla su: www.antichetradizionivenete.org

Le etichette vini di Cantina La Costa che verranno proposte saranno:

  1. un Masot (2007) La Costa, un merlot da uve in certificazione Biologica affinato e barricato in tonneaux di Rovere per almeno 12 mesi;
  2. un Sarco (2007) La Costa, taglio bordolese da uve in certificazione Biologica (Merlot, Shiraz e Cabernet Sauvignon) da uve vinificate singolarmente e successivamente affinate in Tonneaux oer un periodo di almeno 14 mesi.

Informazioni e prenotazioni per la serata:

Il costo della serata sarà di 25 €, tutto compreso

Potete prenotare i vostri posti presso:

Da Bastianello
Via F. de Pinedo, 12 – Schio
www.dabastianello.it
 
Gian Bon Tortellini
Via F. de Pinedo, 10 – Schio
 
Bar Castello
Via F. de Pinedo, 5 – Schio
 
Bar Dante
Piazza Almerigo – Schio
 
Bar Nazionale
Piazza Garibaldi – Schio
 
oppure:
 
chiamando il
347 4853316
 
scrivendo a
info@antichetradizionivenete.org
 

Vi aspettiamo numerosissimi,

🙂
Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)
 
 
 

Thiene 1492, 6 e 7 ottobre 2012 – Ritorna la Rievocazione storica in centro a Thiene. Il Programma della Manifestazione

Ho il piacere di segnalarvi un appuntamento per il fine settimana che sta arrivando.

Sabato 6 e domenica 7 settembre in centro a Thiene si svolgerà l’edizione 2012 della Rievocazione Storica “Thiene 1492“.

Il centro città sarà animato nuovamente dai mercanti thienesi della Serenissima: artigiani, giocolieri, nobili, bancarelle da tutta Europa e gruppi di spettacolo vi intratterranno per tutta la giornata, con oltre 500 figuranti in costumi rinascimentali.

Il mercato rinascimentale avrà il piacere di accogliervi la giornata di Sabato, dalle 14:30 alle 23:30 e Domenica dalle ore 10:00 alle ore 20:00.

La manifestazione è veramente interessante… Ci sarà la possibilità di ammirare artigiani all’opera in mestieri antichi del nostro territorio, gustarsi spettacoli con artisti che si esibiranno per tutta la giornata ed assaggiare specialità gastronomiche della Pedemontana Vicentina.

Vi allego il Programma per i due giorni della manifestazione, dandovi appuntamento in uno dei banchi della manifestazione: il Sogaro, ossia il produttore delle corde in canapa.

Scoprirete un antico laboratorio Thienese e una piccola anticipazione di Cantina La Costa… 🙂

Programma della Manifestazione

Thiene 1492

6/7 ottobre 2012

:-)

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

Sapete abbinare un ottimo vino ad un piatto eccellente? I consigli per voi di Cantina La Costa…

Sapete abbinare un ottimo vino ad un piatto eccellente?

Saper abbinare un vino ad una pietanza è da sempre, per chi lavora nel nostro campo, argomento di discussioni e continui scambi di esperienze e racconti…

E’ una delle più grandi fortune del mondo!

Abitiamo in un paese con una tradizione culinaria immensa fatta di territorio e stagionalità, materie prime straordinarie e tradizioni che si tramandano da decenni, per non dire secoli. E’ bellissimo dunque, in un panorama così ampio e colorito, aver la necessità di continuare a provare, sperimentare e riscoprire gusti e sensazioni così da regalarsi ogni tanto una coccola quotidiana.

Sapete abbinare un ottimo vino ad un piatto eccellente?

Vi lasciamo alcuni piccoli consigli di Cantina La Costa per gustarvi al meglio una cena in compagnia. Troverete i principi base ed alcune curiosità legate ai cibi: come abbinare un vino ad una pietanza piccante?? iniziamo l’abbinamento dal cibo o dal vino?? Si commettono errori?? Seguite il nostro articolo e scoprirete sicuramente qualcosina di interessante che non conoscevate…

Una Premessa

.

Prima di un qualsiasi buon abbinamento in tavola dobbiamo iniziare a pensare a due cose fondamentali: territorio e calice!

Il Territorio: alla stessa maniera dei cibi e delle materie prime anche i vini sono una grande espressione dell’ambiente in cui nascono. Sono l’espressione del territorio e delle sue tradizioni, ma sono soprattutto il frutto di selezioni effettuate nei secoli per creare i vitigni più idonei alla coltivazione ed i vini che meglio si abbinassero alle pietanze locali. Un ottimo esempio del nostro territorio è il Vespaiolo D.O.C assieme agli Asparagi D.O.P. di Bassano Del Grappa, oppure i biscotti Zaèti assieme al Torcolato D.O.C di Breganze. Nella preparazione di un abbinamento ricordiamoci di dar un occhio anche a questo, ci permetterà di scoprire o riscoprire accostamenti veramente squisiti.

Il Calice: un buon degustatore di vini sa che il tipo di calice fa una gran differenza quando si beve un vino. Conoscere il giusto bicchiere da un tocco in più alla vostra bevanda in quanto permette di esaltarne al meglio i profumi, le componenti visive (perlage, colore, sfumature…) e sicuramente migliora le sensazioni al palato. Se dunque un ottimo Prosecco richiede un calice Flûte per meglio evidenziare il perlage, un Riserva richiederà un Calice Gran Vino (o Baloon…) per permettere un’adeguata ossigenazione ad un vino dal lungo invecchiamento, così da poter esprimere al meglio profumi e sensazioni.

I consigli per gli abbinamenti

.

Regola n° 1:
I tannini richiedono i grassi

   Un abbinamento da sempre condiviso è che i rossi, ricchi in tannini, ben si abbinano alle carni, meglio se rosse anch’esse. Vero! Ma quale vino scegliere? Il tannino è quella componente che dona la sensazione di astringenza al vino e ne identifica la struttura. Per questo occorre un buon bilanciamento con grassi della carne, il grasso ammorbidirà i tannini e vi lascerà sul palato una sensazione suadente e piacevole.

   Più il vino ha struttura ed una componente tanninica, meglio si abbinerà a carni grasse e succulente. Ad esempio un Masot (2007) con la morbidezza e la media astringenza delle uve di Merlot ben si abbinerà alle carni rosse alla brace e cacciagione; un Cormit (2007) con una struttura ed un’astringenza leggermente maggiore, derivata dalle uve di Cabernet Sauvignon, meglio si abbinerà invece a carni rosse, stufati e arrosti.

Regola n° 2:
Il pesce richiede i bianchi

   Un altro abbinamento abbastanza condiviso è che le pietanze di pesce richiedano vini bianchi. Vero, ma in parte! La scelta in questo caso non è dettata dal colore, ma in particolare dall’assenza dei tannini e dall’acidità del vino che sceglieremo. Se scegliessimo un vino rosso con una buona tanninicità si scontrerebbe con la quasi totale assenza dei grassi del pesce e darebbe un gusto metallico in bocca. Meglio dunque un vino bianco con un’acidità adeguata alla pietanza, immaginiamolo come una spruzzatina di limone finale che accompagnerà il nostro pesce nel palato. Se poi volete provare qualcosina di originale il pesce si può abbinare anche ad alcuni vini rossi italiani, l’importante è mantenere criteri dettati dal buon senso: una bassa tanninicità, un sapore morbido e la giovinezza dei vini. La vostra enoteca di fiducia saprà di sicuro consigliarvi al meglio…

   Tornando a noi un Pinot Grigio come il Magioni, vista la sua acidità equilibrata ed un buon grado di sapidità, ben si abbinerà ai piatti di pesce e alle preparazioni a base di molluschi, lasciando una sensazione di piacevole freschezza in bocca partendo dall’aperitivo per finire alla pietanza principale della vostra cena.

Regola n° 3:
Il Vino si abbina al sapore dominante

   Le carni rosse richiedono sempre i vini rossi, mentre il pesce si sposa sempre bene con i vini bianchi… Falso! Non è detto che carne o pesce siano per forza le componenti principali di una pietanza. Se servite ad esempio una carne accompagnata da una salsa delicata alle verdure o a base di erbe aromatiche, divertitevi a scoprire quale vino meglio potrebbe accompagnare il tutto. Potreste avere piacevoli sorprese…

Regola n° 4:
Un buon dolce necessita un vino ancor più dolce

   Una cena non si può considerar tale se alla fine delle portate principali non presentiamo un buon dolce, meglio se fatto in casa con le nostre mani. Verissimo! Tempo fa uno studio di un’università francese dimostrava l’amore degli uomini, ma anche e soprattutto delle donne, per un finale dolce all’interno di una cena: per quanto sazi, un posticino per una fettina di torta, un semifreddo o un biscottino si trovava sempre. Che vini abbinare dunque ai dolci? La tradizione italiana è ricca di grandi vini da dessert: prosecco, moscato, i passiti…

   Provate un sorso di vino prima e dopo aver dato un morso ad una buona crostata di more o ad una torta di mele o a qualsiasi altra specialità dolce italiana. Rimarrete estasiati da come i sapori si fondono assieme dando una sensazione di piacevolezza unica. Noi vi consigliamo il nostro Prosecco o un buon Torcolato D.O.C.

Regola n° 5:
Il Piccante richiede zuccheri

   Argomento delicatissimo: il gusto piccante si può abbinare ad un vino? Vero! Sembra un abbinamento difficile, in realtà basta seguire alcuni semplici consigli. Assolutamente da evitare è la combinazione pietanza piccante assieme ad un vino rosso strutturato: il vino intensificherebbe la sensazione di calore della pietanza creando una combinazione terribile per i vostri ospiti! meglio dunque optare per vini più dolci e a basso contenuto alcolico.

Non siete sicuri di questa combinazione?? Provate con un  Riesling o un Gewürztraminer, poi ci racconterete…

Un consiglio finale

   Per conoscere i vini ed i giusti abbinamenti serve passione, qualche prova ed esperimento, un po’ di pazienza ed infine molta voglia di sperimentare. Personalmente non parlo mai di errori negli abbinamenti, capiterà sicuramente qualche combinazione non azzeccata, ma sarà utile come esperienza per le volte successive. Con il tempo si perfezionano gli accompagnamenti e le ricette fino a ottenere la propria lista dorata da condividere con gli amici.

 Scriveteci a cantinalacosta@libero.it o passate a trovarci in Villa Enrico. Saremo sempre a vostra disposizione per darvi un consiglio per le vostre ricette abbinate ai nostri vini.

:-)

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

La Festa dell’Uva di Sarcedo continua… sotto un manto di stelle!

14 settembre – Sarcedo, Villa Ca’ Dotta

La Festa dell’Uva a Sarcedo continua e si avvia verso la serata di gala conclusiva. Abbiamo il piacere di invitarti:

Venerdì 14 Settembre

ore 20.30

Villa CA’ DOTTA

via Roma, Sarcedo (VI)

“Sotto un manto di stelle alla riscoperta di antiche storie e di nuovi sapori”

Il senso femminile per il vino e il cibo

.

Si prega di confermare entro e non oltre mercoledì 12 settembre.
I posti sono a numero chiuso al costo di 27 euro compreso,
in omaggio, il calice serigrafato de La Festa dell’Uva.
Info: Segreteria Comunale 0445 884224
Diego Oriente d.oriente@alice.it
Gigliola Trentin gigliolatrentin@alice.it
Cantina La Costa cantinalacosta@libero.it

.

Durante la serata

.

I miti e le costellazioni di Settembre:

presentazione a cura di Gigliola Trentin e Dina Moro;

Cena nel parco:

i piatti della tradizione vicentina, curati dallo Chef Amedeo Sandri e dalla GRS, accompagnati da prelibati vini D.O.C. del nostro territorio;

Le Stelle del Planetario nel salone di Villa Ca’ Dotta:

visite guidate a gruppi con Dina Moro;

Le grappe “di razza”:

degustazione guidata da Massimo Fontana della Zanin S.r.l.

Il cielo della serata:

osservazione attraverso i telescopi del Gruppo Astrofili di Schio, disposti nel parco della Villa.

Vi accompagneranno

.

il duo musicale dell’Orchestra a Plettro di Breganze: mandolino e chitarra di Valeriano e Gian Valter Federle;
e naturalmente i nostri vini D.O.C. del territorio dell’Azienda Agricola Biologica Certificata La Costa.

Vi aspettiamo il 14 settembre  per la serata speciale con le stelle in Villa Ca’ Dotta.

:-)

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

Festa dell’Uva 2012 di Sarcedo (VI) Programma della Manifestazione

Festa dell’Uva 2012, Sarcedo

Benvenuto Settembre…

🙂

Con l’arrivo dell’autunno vi segnaliamo una delle Feste più interessanti dell’alto Vicentino. Così potremo dare assieme un arrivederci all’Estate e salutare una delle stagioni più colorate e profumate dell’anno: l’Autunno con la sua vendemmia.

E alla Festa dell’Uva ci saremo anche noi di Cantina La Costa con i nostri Vini a dare il benvenuto all’Ass. Nazionale “LE DONNE DEL VINO” e all’Ass. ASTEGO MOTORI D’EPOCA, che organizzerà il 6° raduno “Vino, Sapori e Motori” ed il 1° “Evergreencars Cup Old-Cars”.

Scopri assieme a Cantina La Costa:

La Festa dell’Uva 2012 di Sarcedo (VI)

Il Programma della Manifestazione

(download)

Vi aspettiamo su cantinalacosta.com

per seguire giorno per giorno

gli eventi della manifestazione:

.

cantinalacosta.com

alla Festa dell’Uva

.

Cantina La Costa

e la Festa dell’Uva

su Facebook

.

Cantina la Costa

e la Festa dell’Uva

su Twitter

.

Astego Motori d’Epoca

.

Vi aspettiamo a Sarcedo da giovedi 6 a domenica 8 settembre,

e il 14 settembre  per la serata speciale con le stelle in Villa Ca’ Dotta.

:-)

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

Come i mutamenti climatici cambiano il mondo del vino

La Catalunya è una regione veramente affascinante…

In un’oretta di macchina puoi passare dalla caotica e sempre attiva Barcelona, e la sua Fiesta Mayor de Gracia, alla tranquillità della Costa Brava dove puoi fare immersioni in un mare con dieci tonalità di azzurro e verde.

E capita durante un pranzo a base di cucina italiana e Rioja, abbinamento tra l’altro spettacolare, di chiacchierare su come i cambiamenti climatici possano cambiare il mondo del vino. I partecipanti a questa tavola rotonda, tutti collaboratori dell’UAB di Barcelona, mi hanno gentilmente segnalato una pubblicazione uscita a tal proposito.

“Climate Change impact on wine” è un articolo del The Press Democrat, il quotidiano più diffuso nel Nord della California, e racconta come i mutamenti climatici cambiano il mondo del vino e gli interventi messi in atto dagli enologi americani per porre rimedio alle nuove condizioni che stanno investendo i vigneti californiani. Un monito ad aver più cura del nostro pianeta per preservare le tipologie di coltivazione autoctone, preferendo sistemi di coltivazione e metodologie produttive meno impattanti sul sistema ambiente, come ad esempio il biologico.

Vi lascio il link per poter leggere l’articolo in lingua originale, ed una traduzione in italiano con alcune note per meglio comprendere il testo ed i riferimenti. Buona lettura…

The Press Democrat

Climate change impact on wine

By DAN BERGER
FOR THE PRESS DEMOCRAT
Wednesday, August 8, 2012
♣♣♣

Traduzione dell’articolo

Il tema caldo del giorno, letteralmente, è il tempo e come sta cambiando.

Le estati sono generalmente calde, gli inverni sono più freddi e in un prevedibile futuro il cambiamento climatico influenzerà molte persone in tutto il mondo, soprattutto in peggio.

Questo perché i piani di emergenza sono costosi e molte delle economie del mondo sono traballanti. E in molte aree del mondo risolvere i problemi legati ai cambiamenti climatici non è mai stata una spesa da prendere in considerazioni nel bilancio di molte industrie.

Una di queste è l’industria del vino, dove alcune cose curiose stanno accadendo.

Innanzitutto le regioni un tempo considerate con climi freddi per la coltivazione delle uve sono ora viste non come fredde, ma dalle temperature moderate. E questo ha cambiato il modo in cui viene fatto il vino.

Un esempio potrebbe essere la regione dell’East Coast e gli stati del Midwest, dove i consumatori stanno vedendo nascere alcuni tra i migliori vini che le cantine abbiano mai fatto. Vini da Ohio, Michigan, Virginia, New York e Pennsylvania sono ora a confronto con alcuni dei migliori vini in America.

Un altro esempio è della California Carneros, un’importante area viti-vinicola a sud delle contee di Napa e Sonoma, caratterizzata dal clima fresco, peculiare per le uve chardonnay e pinot nero.

Negli ultimi dieci anni, abbiamo visto crescere i livelli di maturazione in questi vini e, anche se rimangono sostanzialmente simili agli anni passati in termini di stile, abbiamo visto molti vini crescere in percentuale alcolica, in parte dovuta all’aumento delle temperature medie.

Lo stesso vale per le regioni più fredde come Santa Lucia Highlands a Monterey County, l’area a sud di San Luis Obispo County, le colline di Santa Rita presso Santa Barbara, e la zona ad ovest del Russian River.

Ma i consumatori di vino della California stanno ora provando un ritorno al passato con le ultime versioni dei vini delle annate 2010 e 2011.

Entrambi gli anni erano inaspettatamente freschi, probabilmente legati al fatto dei cambiamenti climatici globali. Un clima talmente fresco che alcuni produttori dichiararono di  essere ricorsi a misure estreme per riuscire a produrre buoni vini.

Anche se erano annate diverse, entrambe avevano visto stagioni estive che non raggiungevano sostanzialmente le temperature elevate previste a cui si affidano a produttori di vino per una piena maturazione. Nel 2010, alcuni enologi ed agronomi, si sono preoccupati seriamente e sono dovuti intervenire sui vitigni e sulla vinificazione con metodologie dedicate ai vini più erratici, più di quanto non era mai stato fatto.

Alcuni vini sono risultati alla fine eccellenti, alcuni non lo erano.

Nel 2011 era semplicemente un estate fresca, ma le esperienze di apprendimento rispetto all’anno precedente e altri fattori hanno contribuito a rendere alcuni vini stellari ed in generale è stato un anno eccellente per vini equilibrati.

Nel 2010 e nel 2011 alcuni produttori di vino della California erano preoccupati per i sapori che avrebbero ottenuto dai loro vini e che i consumatori non avrebbero gradito. Molti finito per ricorrere a trattare i loro uve rosse al con il sistema flash détente.

Il sistema flash détente, sviluppato in Francia nel 1990, tratta le uve rosse in un modo da dar loro una migliore colorazione e rimuovere gli elementi organici che i produttori di vino non desiderano utilizzare.

In generale, 2010 e 2011 sono i vini più strutturati rispetto ai primi anni del 2000, in cui gli acidi erano notevolmente inferiori.

(…)

Note:
Dan Berger vive nella contea di Sonoma, dove pubblica “Esperienze d’epoca”, una newsletter sul vino settimanale. Potete scrivergli a winenut@gmail.com.

Un ringraziamento a Lorenzo e Marisol per l’ospitalita’ e a Sandra per avermi segnalato l’articolo.

🙂

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

Voci precedenti più vecchie

CANTINA LA COSTA

...ti aspettiamo per una visita a Villa Enrico!

Punto Vendita e Degustazione:
Via Bordalucchi, 3 - Fara Vicentino (VI)
Tel. 0445-397080 (c/o Casa Enrico)
Fax. 0445-398266
P. IVA 03107780243

www.cantinalacosta.com

CERTIFICAZIONE BIOLOGICA

Ente Certificatore: BIOS_S.r.l. - MAROSTICA (Vicenza)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: