Vini e profumi, un mondo da scoprire… Volete provare assieme a noi??

Proviamo a degustare un vino

Vi raccontiamo una piccola parte del nostro mondo… Chi lavora nel mondo del vino, o  in generale, con il tempo impara una cosa fondamentale: il vino e la cucina italiana sono un tesoro inestimabile che tutto il mondo ci invidia e, da bravi lavoratori, abbiamo imparato a coinvolgere tutti i sensi quando assaggiamo qualcosa di buonissimo.

Talvolta facciamo sorridere per la nostra deformazione professionale… O quantomeno destiamo curiosità per come annusiamo i vini nei calici alla ricerca dei profumi, per come discutiamo sul loro colore e sulla fluidità o per come andiamo alla ricerca dei gusti, ad esempio, in un buon Masot La Costa – Merlot Barricato del 2007.

Quando assaggiate un vino all’interno c’è un mondo di profumi e di gusti tutti da scoprire, soprattutto se è di ottima qualità… Non dovete prendere paura ascoltando i bacucconi del vino che molte volte fanno sorridere anche noi che siamo del settore… Il vino è innanzitutto piacere da condividere e molta passione!

Volete provare a riconoscere qualche profumo assieme a noi??

Ecco dunque una piccola guida per iniziare a vivere un vino in maniera molto più emozionante… Vi serviranno solamente un po’ di pazienza, un po’ di esercizio, qualche attenzione e vedrete che non è così poi difficile riconoscere un profumo all’interno di un vino.

Prova 1 – il sentore floreale

Vi ricorda qualcosa il sentore floreale? Lo si può trovare in molti vini giovani sia bianchi (acacia, biancospino…), sia rossi (violetta, rosa…). Ma cos’è il sentore floreale?? Un po’ la parola lo dice, ma se voleste realmente provare un sentore floreale provate ad entrare in un piccolo negozio di fiori e farvi avvolgere dal profumo che le piante emanano, oppure passeggiate in questi giorni di primavera in un campo fiorito o vicino alle siepi appena sbocciate… Bene, quello lo si può  ben definire un sentore floreale e potete ad esempio ritrovarlo all’interno di un bel Magioni La Costa Bio (2010), il nostro Pinot Grigio da uve a coltivazione biologica.

Prova 2 – i sentori fruttati

Se vi diciamo sentori fruttati, cosa vi viene in mente?? I sentori fruttati all’interno del vino coprono un’ampia gamma di profumi che solitamente spaziano in base alla tipologia di uve ed al grado di invecchiamento. I vini bianchi solitamente profumeranno di frutti a polpa bianca (mela, pera, banana…) mentre i rossi tenderanno più a frutti dalla polpa rossa (frutti di bosco, fragola, ciliegia…). Mentre il grado di invecchiamento di un vino spesso coincide con la maturazione dei frutti che sentirete nel vostro calice (acerbo, maturo, molto maturo, confettura…). Come si riconoscono i profumi della frutta all’interno di un vino?? Solitamente son profumi che tutti già conosciamo e che sentiamo tutti i giorni, ma potete sempre iniziare a sentire i profumi e riconoscerli dal vostro cestino della frutta o quando passeggiate ed avete la fortuna di poter cogliere la frutta fresca. Un esempio di sentori fruttati lo potere trovare nel Sarco La Costa (2007)dove si riconoscono i profumi del taglio bordolese – fragola, frutti di bosco e prugna in particolare – che grazie all’invecchiamento tendono alla confettura ed alla frutta ben matura.

Prova 3 – i sentori vegetali

Passiamo ora ai sentori vegetali… Precisamente li possiamo definire come tutti quei profumi che ricordano l’erba appena falciata, i peperoni freschi, il pomodoro e tutte le erbe aromatiche e semi-aromatiche. Anche in questo caso li potete provare e trovare molto facilmente in questa stagione, basta a volte uscire nel proprio giardino e con le mani sfiorare le foglie delle piante e le verdure dell’orto per trovarne le essenze. I sentori vegetali si trovano ad esempio in un buon cabernet giovane, noi vi invitiamo a scoprirlo nel nostro Cabernet La Costa Bio (2010).

Prova 4 – i sentori speziati

Infine proviamo a scoprire i sentori speziati… Si possono riconoscere facilmente associandoli alle spezie che solitamente usiamo in cucina (pepe nero, anice, cannella) o a tutte le essenze che solitamente profumano i nostri piatti e le nostre ricette come ad esempio la vaniglia. I sentori speziati si riscontrano spesso nei vini barricati, che dunque hanno maturato un invecchiamento in preziosi legni di rovere. Potete provare ad esercitarvi con le normali spezie che avete in cucina, facendo attenzione …EEEETCIUUUM… a non avvicinare troppo il naso. Un esempio di sentore speziato si ritrova nel Cormit La Costa (2007), dove con un po’ di attenzione si riconosce la vaniglia.

Concludendo…

un po’ di dritte ve le abbiamo lasciate… ora tocca a voi!

Ma vi ricordiamo come sempre di prendere il vino con tutta l’attenzione che merita, perchè è il frutto di storie e passione nel lavoro, ma anche come un buon compagno di convivialità e di sorrisi. Ricordandovi come sempre che il vino va bevuto con moderazione, nella quantità, ma con eccessi per quanto riguarda la qualità…

guarda il video…

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)
Annunci

Una ricetta per la primavera: Soufflé impeccabile alla Vaniglia, accompagnato al Prosecco Bio La Costa

Soufflè impeccabile alla Vaniglia

Bentornati nel Bio Blog di cantina La Costa…

Stamattina, vista la giornata di sole che annuncia un po’ di primavera, abbiamo pensato di proporvi una ricetta particolare, ottima per regalarsi una coccola ed un momento di dolcezza, oppure per stupire i vostri ospiti grazie all’abbinamento con il Prosecco Brut Bio La Costa.

Pronti dunque con gli ingredienti che vi insegniamo a preparare un dessert veramente speciale per la sua morbidezza e per profumi e le fragranze che vi avvolgeranno mentre li vedrete crescere e lievitare nel vostro forno…

♣♣♣

Soufflé impeccabile alla Vaniglia, accompagnato al Prosecco Bio La Costa

.

Il Soufflè rappresenta per molti una difficoltà da preparare, ma non prendete paura… In realtà è molto semplice, basta rispettare alcune semplici regole ed i consigli che vi mettiamo in fondo alla ricetta. Un po’ di pratica, qualche prova e vedrete che riuscirete a sfornare dei piccoli capolavori.

Ingredienti per sei persone:

  • 3 uova;
  • 25 gr farina;
  • 200 ml latte;
  • 50 gr burro;
  • 50 gr zucchero;
  • 1 baccello di vaniglia o 1 cucchiaio di estratto naturale di vaniglia;
  • zucchero a velo per guarnire.
  • 6 cocotte.  La cocotte è un classico recipiente della cucina francese, di terracotta o porcellana, ovale o rotondo, a pareti spesse con coperchio, monoporzione, adatto anche alla cottura in forno: fa assorbire in modo uniforme il calore al cibo, ed è ideale per zuppe in crosta, sformati, budini, per cuocere le famose uova in cocotte e naturalmente per la cottura dei Soufflè.

≈≈≈

Preparazione:

Prepariamo innanzitutto le Cocotte. Imburratele per bene con del burro caldo e riponetele in frigo per far rapprendere il tutto.

Procediamo con l’impasto. Separate i tuorli dagli albumi riponendoli in due contenitori diversi. In un pentolino preparate il Roux con il burro e la farina, mescolando con cura in maniera che non si formino grumi. Appena il composto avrà un color nocciola tenue versate lentamente il latte tiepido e cuocete per alcuni minuti. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare. Quando il pentolino ed il composto saranno tiepidi aggiungete i rossi d’uovo, l’estratto di vaniglia e la metà dello zucchero. Se utilizzate il baccello di vaniglia, incidetelo nel senso della lunghezza, estraete i semini neri e mettete semini e baccello in infusione nel latte prima di fare il Roux).

Montiamo gli albumi. Montare i bianchi dell’uovo a neve, unendo successivamente lo zucchero rimanente poco per volta. Incorporate i bianchi così ottenuti all’altro composto, poco per volta e mescolando sempre dal basso verso l’alto in modo da non smontare il composto. Cospargete l’interno delle cocotte con zucchero semolato e riempitele fino a 3/4. Pulite eventualmente i bordi ed infornate immediatamente.

La cottura. Preriscaldate il forno durante la preparazione dell’impasto. I vostri soufflé dovranno cuocere in forno a 190° C per 15/18 minuti. Ricordatevi di non aprire mai il forno durante la cottura perchè i vostri soufflé potrebbero sgonfiarsi. Serviteli appena sfornati, spolverandoli con un pizzico zucchero a velo.

≈≈≈

Sei consigli per rendere perfetti i vostri Soufflè…

Ecco di seguito una serie di consigli per far giungere in tavola un soufflé perfettamente gonfiato.

  1. Gli ingredienti devono essere tutti utilizzati a temperatura ambiente;
  2. I tuorli è sempre meglio aggiungerli uno per volta, per permettere un miglior assorbimento nel Roux;
  3. Aggiungere gli albumi montati a neve per dare più leggerezza e volume al soufflé;
  4. Per la cottura, utilizzate un recipiente liscio, di sviluppo verticale, o almeno alto, per esaltare maggiormente l’effetto del rigonfiamento tipico del soufflé. Riempite il recipiente fino a 3/4 dell’altezza per essere certi che fuoriesca dal bordo durante la cottura;
  5. Durante la cottura, non aprite il forno, altrimenti l’entrata dell’aria più fredda farà sgonfiare irrimediabilmente il soufflé;
  6. Servire il soufflé appena sfornato.

≈≈≈

Il Soufflé impeccabile alla Vaniglia è un dessert profumatissimo e molto delicato… Noi lo abbiniamo al nostro Prosecco Brut Bio La Costa, un vino altrettanto profumato e dal gusto fresco che ben accompagnerà il vostro momento di dolcezza. A noi l’unione è piaciuta un sacco, siamo sicuri sarà un abbinamento altrettanto interessante anche sulle vostre tavole…

Una curiosità:

Vorremmo consigliarvi altro buon abbinamento con i nostri Soufflé impeccabili alla Vaniglia. Un abbinamento un po’ particolare in quanto si tratta di un film del 1954: Sabrina, con Audrey Hepburn, Humphrey Bogart e William Holden. Ve lo consigliamo perchè anche in questo film si preparano dei buonissimi soufflè, Audrey Hepburn ne sarà la protagonista in una scuola di cucina Parigina con esiti che vi invitiamo a scoprire…

🙂

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

k.Lit, Il Festival dei Blog Letterari – Prima Tappa Microfestival in Tour: il video di Milano

K.Lit - Il video del Microfestival in Tour al Vinodromo di Milano

K.Lit, il Festival dei Blog Letterari…

E’ iniziato con un gran successo  di pubblico ed interesse la serie di MicroFestival che lo staff organizzativo del K.Lit sta portando in giro per l’Italia per promuovere il Festival dei Blog Letterari, che si terrà a Thiene il 7/8 luglio 2012.

Alla prima uscita eravamo presenti anche noi di Cantina La Costa. All’interno del Vinodromo, un noto Bistrot di Milano, si è parlato di Ambiente e Società in compagnia del nostro Prosecco Brut Bio La Costa.

Dunque… Per chi c’era e vuole rivivere la serata e per chi non c’era e vuole vedere cosa abbiamo combinato al Vinodromo… Ecco a voi il video della prima uscita!

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

Una Degustazione in Villa Enrico…

Vi aspettiamo in Villa Enrico

Immagina una Villa Veneta dell’800 immersa nelle colline dell’Alto Vicentino,
Chiudi gli occhi un attimo e ascolta il silenzio che avvolge il verde di un parco,
Scendi in un’antica Cantina e sfiora con le dita legni di botti preziose,
Annusa… annusa i profumi dei vini che maturano lentamente
e regalati un attimo per assaporare un vino speciale,
lasciandoti avvolgere dai suoi gusti unici
e dal suo nobile carattere…

🙂

Con la bella stagione ricominciano le visite guidate alle Cantine di Villa Enrico, e naturalmente le degustazioni guidate ai nostri vini meravigliosi.

Vi accompagneremo a scoprire la nostra Barricaia, raccontandovi come si coltiva gentilmente un vigneto attraverso le coltivazioni biologiche e come si vinificano i mosti con tutte le attenzioni dovute per ottenere vini nobili, eleganti e di gran classe.

Scopri come prenotare una visita a Villa Enrico con una degustazione guidata entrando nella pagina “Un aperitivo con noi” oppure clikka qui

Vi aspettiamo per scoprire a noi il mondo di Cantina La Costa,

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

CANTINA LA COSTA

...ti aspettiamo per una visita a Villa Enrico!

Punto Vendita e Degustazione:
Via Bordalucchi, 3 - Fara Vicentino (VI)
Tel. 0445-397080 (c/o Casa Enrico)
Fax. 0445-398266
P. IVA 03107780243

www.cantinalacosta.com

CERTIFICAZIONE BIOLOGICA

Ente Certificatore: BIOS_S.r.l. - MAROSTICA (Vicenza)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: