Il corretto abbinamento del vino ai formaggi

Un matrimonio perfetto: il vino ed il formaggio

Ahhh… il Formaggio!

Chi può non innamorarsi di un alimento così affascinante?

Una pietanza che conta decine di ricette e varianti per ogni singola zona d’Italia, in base alle materie prime utilizzate ed agli stili di invecchiamento.

Potremmo raccontarvi degli stravecchi dell’altipiano di Asiago, famosi in tutto il mondo, o dei cremosi brie francesi oppure ancora di ricercatezze prodotte nelle piccole località italiane, per le quali anche un piccolo viaggio alla ricerca di tanta prelibatezza val bene un’avventura di qualche giorno tra paesini di montagna.

Lo sapevate ad esempio che il Bagòss, un formaggio prodotto a Bagolino, piccolo comune dell’alto Bresciano, porta con se una tradizione secolare che ricorda la Repubblica Serenissima? Il Doge, innamorato di tale formaggio, amava farlo impreziosire dai casari del luogo con un cucchiaino di zafferano. Una raffinatezza personale per trasformare magicamente in oro la sua pasta e renderla degna della tavola del “Monsignor el Doxe”.

Un buon formaggio richiede sempre un’appropriata compagnia in tavola: ottimi amici ed amiche da una parte e naturalmente pregiate etichette vini dall’altra al fine di poterlo esaltare al meglio. Qual’è dunque il corretto abbinamento del vino ai formaggi per un matrimonio perfetto?

La scelta di per sé sembra facile, ma non è così. Vini e formaggi si presentano entrambi ricchi di personalità e carichi di peculiarità talvolta uniche. Vi diamo dunque qualche piccolo consiglio per le vostre degustazioni, ma con l’invito a lasciarvi andare a mille esperienze ed osservazioni per trovare i vostri accostamenti perfetti di gusto.

Prenderemo come riferimento i vini rossi, solitamente i più interessanti per quanto riguarda gli abbinamenti in questo campo. Innanzitutto bisogna tener conto che i formaggi solitamente portano con se aromi intriganti, talvolta saporiti o piccanti, e necessitano dunque di vini che reggano tale confronto gustativo. Inoltre è bene conoscere, del formaggio, anche la persistenza del sapore in bocca, più o meno lunga, e la sua percentuale grassa, più o meno alta. Maggiori saranno tali livelli e più il vino dovrà essere strutturato, articolato e con un grado alcolico importante.

Dunque… cosa c’è di più buono di un ottimo Cabernet Sauvignon, magari invecchiato attraverso un’attenta barricatura, che abbraccia squisitamente uno stravecchio di malga.

Una curiosità: lo preferivano anche l’imperatore Francesco Giuseppe e la principessa Sissi.

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)
Annunci

Benvenuti nel mondo La Costa…

Benvenuti nella Mailing List "La Costa"

Sabato 25 giugno  2011

Primo fine settimana d’estate, un sole meraviglioso che splende in cielo ed un’arietta fresca che stuzzica i pensieri!

Vi diamo una piccola idea, uno spunto per i prossimi giorni che vi farà lasciare il Pc sulla scrivania per mettervi in scena sulle bellissime colline di Fara Vicentino.

Abbiamo preparato la mailing list Cantina La Costa, così possiamo tenervi informati su tutte le nostre attività con un semplice “click”. Se ti fa piacere lasciaci un contatto e ti inviteremo in Villa Enrico per conoscere tutte le nostre attività: degustazioni, visite ai vigneti, serate a tema, le collaborazioni con Casa Enrico e molto altro ancora…

≈≈≈

Compila il modulo seguente, salvalo ed invialo a cantinalacosta@libero.it,

oppure stampalo e vieni a trovarci presso Villa Enrico a Fara Vicentino,

in via Bordalucchi, 3 (36030)

Iscrizione – Mailing List La Costa (formato Word 2007)

Iscrizione – Mailing List La Costa (formato Pdf)

Benvenuti nel mondo La Costa,

ti aspettiamo con una sorpresa tutta dedicata a te!

Lo staff

Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)

Una buona alimentazione Biologica

Una buona alimentazione biologica

I can resist everything,

except temptation

Posso resistere a tutto, tranne che alla tentazione ”

Oscar Wilde ne Il ventaglio di Lady Windermere, (1892)

———

Vi siete accorti di una cosa? Quando fate la spesa, sia al supermercato ma anche nei mercati più piccoli, una serie di nuovi articoli stanno facendo capolino accanto a quelli tradizionali. Stiamo parlando dei prodotti a marchio Bio.Si può infatti riscontrare un interesse sempre maggiore rivolto a questa tipologia di beni, sia che si tratti di produzione agricola – frutta e verdure – sia che si tratti di prodotti più elaborati o complessi come il vino, le conserve o le marmellate.

L’agricoltura biologica fa bene all’ambiente e agli animali ed uno dei principali obiettivi che persegue è la produzione di alimenti con un gusto, una consistenza e una qualità autentici ed accattivanti. Biologico significa dunque aver cura delle piante attraverso una scelta preferenziale per le coltivazioni autoctone, che meglio si integrano sul territorio di appartenenza, ma anche e soprattutto aver riguardo per i frutti che si raccolgono attendendo con pazienza la loro piena maturazione.

Ora, se la superiorità organolettica dei prodotti a marchio Bio potrebbe comunque essere soggettiva, De gustibus non disputandum est, un merito particolare bisogna riconoscerlo agli agricoltori Biologici. Sono spesso rinomati per il loro notevole impegno nell’uso di una larga varietà di specie vegetali o razze animali che forniscono ai consumatori la possibilità di provare nuovi sapori e di allargare le proprie esperienze alimentari. Per un consumatore diventa dunque piacevole conoscere od individuare qualità di vini autoctone, come il Merlot o il Vespaiolo, ed al loro interno riscoprire profumi ed essenze talvolta dimenticate, ma che portiamo con noi nel nostro patrimonio genetico e bagaglio culturale.

Qual è dunque l’elisir di lunga vita?? Noi certamente non lo conosciamo, ma possiamo dirvi una cosa con certezza: una buona selezione degli alimenti unita ad un buon bicchiere di vino, uno stile di vita salutare ricco di movimento ed un pizzico di creatività unita ad un mare di sorrisi vi permetteranno di fare molta strada e di godervi i piccoli piaceri della vita in compagnia delle persone che più amate.

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)

Vespaiolona 2011, vi aspettiamo…

La locandina della manifestazione

Un invito a tutti voi da parte della Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)…

Venerdi sera 17 giugno vi aspettiamo per la quarta edizione della Vespaiolona, la notte bianca dei vini breganzesi.

Tutto il centro della città si animerà di eventi, musica e sarà possibile degustare il meglio della produzione vitivinicola del Consorzio tutela vini Breganze Doc.

Il tema di quest’anno sarà incentrato sui toni del rosso, quindi quale migliore occasione per provare le nostre etichette speciali e venire a conoscere la nostra azienda.

Vi racconteremo i nostri metodi di coltivazione Bio e vi faremo scoprire le meraviglie dei nostri vini attraverso le degustazioni abbinate ai prodotti gastronomici del territorio.

Il nostro stand sarà nel centro storico, presso la Ghiacciaia della Comunità Montana, raggiungibile comodamente a piedi.

Che dire dunque…

Nottambuli di tutto il mondo appassionati di vini, territorio e tradizione,

c’è la Vespaiolona 2011, vi aspettiamo…

Venite a curiosare!!!

🙂

Lo staff
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)
 
La locandina della “Vespaiolona 2011”
 
…ed il programma della Vespaiolona 2011, cantina per cantina!
 
 
———

Costo di partecipazione Euro 10,00 comprensivo di trasporto autobus, bicchiere e 4 assaggi di vino Vendita kit a partire dall’8 giugno. Numero chiuso: massimo 3.000 partecipanti.

Informazioni e prenotazioni presso:
Associazione Strada del Torcolato e dei Vini D.o.c. di Breganze,

Piazza Mazzini, 49 – Breganze

tel 0445.300595 – 348.3028340

email: stradadeltorcolato@libero.it

Una Favola ecologica: “I due ciliegi”

Il ciliegio in fiore

Due ciliegi innamorati, nati distanti, si guardavano senza potersi toccare.

Li vide una Nuvola, che mossa a compassione, pianse dal dolore ed agitò le loro foglie… ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.

Li vide una Tempesta, che mossa a compassione, urlò dal dolore ed agitò i loro rami… ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.

Li vide una Montagna, che mossa a compassione, tremò dal dolore ed agitò i loro tronchi… ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.

Nuvola, Tempesta e Montagna ignoravano che, sotto la terra, le radici dei Ciliegi erano intrecciate in un abbraccio senza tempo.

{Favola  giapponese}

Lo staff
Cantina “La Costa” – Sarcedo (VI)

CANTINA LA COSTA

...ti aspettiamo per una visita a Villa Enrico!

Punto Vendita e Degustazione:
Via Bordalucchi, 3 - Fara Vicentino (VI)
Tel. 0445-397080 (c/o Casa Enrico)
Fax. 0445-398266
P. IVA 03107780243

www.cantinalacosta.com

CERTIFICAZIONE BIOLOGICA

Ente Certificatore: BIOS_S.r.l. - MAROSTICA (Vicenza)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: