Un primo (della tradizione) per Natale: Bigoli mori in salsa Veneta

La Costa - Bigoli in Salsa VenetaStamattina ci siamo svegliati con la neve.

Brrrr…. Che freddo!

E con questo tempo vorremmo proporvi una delle ricette tradizionali della cucina veneta della vigilia di Natale. Questa ricetta era preparata, ed è ancora molto apprezzata, per le giornate di magro come il Venerdì Santo, il mercoledì delle Ceneri e appunto la notte della vigilia di Natale.

Nonostante la semplicità della ricetta e delle materie prime è un piatto gustosissimo e molto saporito, che porterà un po’ di tradizione e di profumi veneti in tavola.

Vi accompagnamo nella sua preparazione…

♣♣♣

BIGOLI MORI IN SALSA VENETA

accompagnati al Prosecco Brut Bio La Costa

 

Preparazione: facile
Ricetta per: 4 persone
Tempo: 20 minuti
Costo: basso

Ingredienti:

  • 400 gr di bigoli;
    (di farina di grano duro o farine miste integrali come orzo o ségale)
  • 10/12 alici sotto sale di media misura;
  • 1 cipolla bianca;
  • ½ bicchiere di olio d’oliva;
  • una noce di burro;
  • sale & pepe.

≈≈≈

Preparazione:

   Iniziamo preparando la cipolla.Sbucciate la cipolla, tagliatela a metà e affettatela finemente. In un’ampia padella mettete l’olio e la cipolla ed iniziate a soffriggere dolcemente. La cipolla non dovrà colorare, eventualmente correggete con pochissima acqua se si dovesse asciugare eccessivamente.

   Ora dedichiamoci alle acciughe. Dissalate sotto l’acqua fresca le acciughe e con l’aiuto di un coltellino diliscatele e pulitele per bene. Appena la cipolla sarà trasparente aggiungete i filetti di acciuga a pezzi mantenendo il fuoco dolcissimo e lasciate che si sciolgano lentamente. Aggiustate di pepe.

   Ed ora i bigoli mori. Mettete a bollire una pentola con abbondante acqua ricordandovi di non salarla eccessivamente (la salsa di acciughe è molto saporita) e lessate i bigoli. A questo proposito ricordo che i bigoli per tradizione andrebbero mori, ossia preparati con farina integrale, ma nulla ci vieta di preparare questo piatto con bigoli normali o preparati con pasta all’uovo. Quando la pasta sarà al dente scolatela e saltatela in padella con la salsa, mantecando con una noce di burro per arricchire il piatto. Servitela nei piatti caldissima, accompagnata da pane caldo croccante a fette ed un ottimo vino…

Abbinamento:

  I Bigoli mori in salsa Veneta sono uno dei piatti tipici della nostra tradizione. Abbinerei il Prosecco Bio La Costa alla ricetta per accompagnare il gusto olesoso ed i profumi di questo piatto alla senzazione fresca e vivace di uno spumante Brut Biologico. Provate e ne resterete piacevolmente sorpresi…

Scarica e conserva la ricetta,
o regalala ad un’amica o un amico:
La Costa – Bigoli in Salsa Veneta

:-)

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

Annunci

Una ricetta tutta veneta: Risotto al Radicchio trevisano IGT con salsiccia, accompagnato al Masot

Se come noi di Cantina La Costa siete appassionati di prodotti territoriali del Veneto in queste settimane avrete visto spuntare nei banchi della verdura fresca uno degli ingredienti principe dell’autunno: il radicchio trevisano IGT.

La raccolta di questo prezioso ingrediente è iniziata ai primi di novembre quando le colture hanno subito almeno due brinate autunnali… Il tutto per regalarci uno dei prodotti più famosi e gustosi del nostro Veneto.

Vogliamo provare assieme una delle ricette più classiche della nostra tradizione gastronomica? Vi propongo una preparazione che incanta per il suo gusto: porta con se la delicata nota amara del Radicchio IGT, il gusto persistente del riso ed il tocco piccante della salsiccia. Un mix strepitoso per una delle ricette classiche del patrimonio gastronomico italiano.

♣♣♣

RISOTTO al RADICCHIO TREVISANO IGT, accompagnata al Masot La Costa

.

Ingredienti per 4 persone:

  • 50 gr di burro;
  • 1 scalogno;
  • 100gr di salsiccia;
  • 320 gr di riso Carnaroli (Grumolo delle Abbadesse) ;
  • ¾ di un bicchiere di Masot La Costa;
  • 400 gr di Radicchio Trevisano IGT;
  • 1 lt circa di brodo vegetale;
  • sale q.b.;
  • una macinata di pepe nero.

≈≈≈

Preparazione

   Iniziamo dalla preparazione del soffritto. Affettiamo finemente lo scalogno e mettiamolo in una casseruola ampia con il burro e poniamo il tutto a fuoco lento. La scelta in questo caso dello scalogno, piuttosto che tra la cipolla e aglio, l’abbiamo compiuta sulla base degli ingredienti che si uniranno al riso nella ricetta: la cipolla ha un sapore più delicato, l’aglio è più deciso e lo scalogno, intermedio tra i due, meglio si adatta al delicato del radicchio e al saporito della salsiccia.

   Quando lo scalogno inizierà ad appassire aggiungete la salsiccia, a cui avrete in precedenza tolto la pelle, e schiacciatela con delicatezza con il mestolo di legno per ridurla a pezzettini. Rosolatela per bene. Nel frattempo tagliate a striscioline le coste del radicchio, che aggiungerete  in pentola dopo alcuni minuti di cottura della salsiccia. Lasciate appassire per bene anche il radicchio.

   Aggiungete ora il riso Carnaroli e fatelo tostare per bene, ossia fino a quando i chicchi siano quasi trasparenti con alcuni punti imbruniti. Il profumo che sprigionerà il riso quando sarà tostato sarà intenso e caratteristico. Sfumate con il Masot la Costa.

   Una volta evaporato il vino proseguite la cottura del risotto aggiungendo un mestolo di brodo per volta mescolando, un piccolo segreto, sempre dal centro verso l’esterno per una cottura uniforme e perfetta. Una volta assorbito continuate con un secondo mestolo di brodo e così via fin quando il riso sarà cotto “all’onda”, circa 15-18 minuti.

   Spegnete il fuoco, aggiustate di sale e pepe e mantecate con una noce di burro.

   Servite in un piatto riscaldato in precedenza, decorando con alcune foglioline di radicchio fresco o con erbe aromatiche come decorazione.

Accompagnamento

Una buona tradizione dice di accompagnare il risotto con lo stesso vino utilizzato per sfumare. Soprattutto per risotti importanti e saporiti come la ricetta appena presentata. In questo caso il Masot la Costa, con il suo bel rosso rubino e con i suoi sentori eleganti, ben si accompagnerà a questo risotto ed al suo gusto tutto veneto.

:-)

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

CANTINA LA COSTA

...ti aspettiamo per una visita a Villa Enrico!

Punto Vendita e Degustazione:
Via Bordalucchi, 3 - Fara Vicentino (VI)
Tel. 0445-397080 (c/o Casa Enrico)
Fax. 0445-398266
P. IVA 03107780243

www.cantinalacosta.com

CERTIFICAZIONE BIOLOGICA

Ente Certificatore: BIOS_S.r.l. - MAROSTICA (Vicenza)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: