Una ricetta per tentarvi: Torta di mele buonissima…

Secondo voi quanto può essere affascinante una mela?

   Bellissima, fresca ed invitante… Con un ventaglio di sapori che passa dall’acidulo al dolce, dall’aromatico al saporito. Un frutto che ci accompagna da sempre in ogni epoca, arrivando a costruire molte leggende e miti…

   Lo sapevate, ad esempio, che nell’ Antica Grecia, lanciare una mela equivaleva a una dichiarazione d’amore o era un chiaro invito per un convegno amoroso se il frutto era del colore della passione, ovvero rossa?

   Oppure lo sapevate che Avalon, l’isola leggendaria, facente parte del ciclo letterario legato al mito di Re Artù situata nella parte occidentale delle isole britanniche, era famosa per le sue belle mele? In bretone e in cornico il termine usato per indicare mela è Aval, mentre in gallese è Afal, pronunciato “Aval”.

   E quindi, visto che l’unico modo per liberarsi di una tentazione è cedervi (O. Wilde), vi raccontiamo una ricetta per tentarvi, nonostante la sua seducente semplicità … con un buon abbinamento: il Prosecco Brut Bio La Costa.

♣♣♣

TORTA DI MELE BUONISSIMA

.

Ingredienti

  • 125 gr di burro a temperatura ambiente;
  • 125 gr di zucchero;
  • 2 uova medie;
  • una bustina di vanillina;
  • un pizzico di sale;
  • 2 cucchiai di aroma Spumadoro;
  • 200 gr di farina;
  • 50 gr di farina;
  • alcuni cucchiai di latte;
  • ½ bustina di lievito per dolci
  • 50 gr di uvetta, se preferite
  • alcune mele Bio, della vostra qualità preferita
  • zucchero di canna

Cosa vi servirà

  • una frusta elettrica per montare;
  • uno stampo a cerchio ⌀ 24/26 cm;
  • carta forno.

≈≈≈

Preparazione

   Mettete in ammollo l’uvetta.

   Lavorate con la frusta elettrica il burro morbido, a temperatura ambiente, assieme allo zucchero finche non risulterà un composto spumoso. Aggiungere le uova una alla volta e, sempre sbattendo con le fruste, la bustina di vanillina, l’aroma ed il pizzico di sale fino ad ottenere un impasto liscio e vellutato.

   Aggiungere poco a poco la farina, precedentemente mescolata alla frumina, alternando a qualche cucchiaio di latte… Bisogna ottenere un impasto morbido e spumoso. La giusta misura per l’amalgama sarà quando, infilando una fettina di mela in verticale fino a metà, rimarrà in piedi.

   Aggiungete infine il lievito ben setacciato e l’uvetta scolata dall’acqua e leggermente infarinata.

   Mettete l’impasto in uno stampo per dolci rivestito di carta forno, livellandolo per bene con il dorso di un cucchiaio bagnato con acqua fredda.

   Sbucciate la prima mela, dividetele in quattro spicchi e, con i rebbi delle forchetta, incidete il dorso di ogni spicchio per create una decorazione. Dividete gli spicchi ulteriormente ed iniziate  ad infilarli delicatamente nell’impasto, lasciando la decorazione in vista fuori dall’impasto. Potete sbizzarrirvi nella decorazione, creando geometrie, disegni o l’iniziale del vostro nome… 🙂

   Quando avrete terminato il vostro disegno infornate a 180° C per circa 45-50 minuti.

   Terminata la cottura lasciate il dolce per alcuni minuti nel forno spento ancora caldo, eviterete così che la torta si sgonfi e perda la bella lievitazione data dalla cottura.

Un consiglio per la preparazione e la cottura

   Le mele a spicchi usate nella decorazione resteranno “a galla” durante la cottura, creando un effetto bellissimo. Per questo è importante la giusta morbidezza dell’impasto, che permetta di tenerle dritte durante la cottura.

   La cottura sarà inoltre leggermente influenzata dalla quantità di mele che userete per la copertura e dalla loro qualità… Gli spicchi nella torta aumenteranno l’umidità della preparazione, state in fondo cucinando spicchi più o meno interi… Non prendete paura dunque se il dolce richiederà qualche minuto in più: il trucco per un dolce perfetto consiste nell’attendere che l’impasto attorno agli spicchi sia ben dorato dappertutto e comunque il buon stuzzicadenti di legno inserito nel mezzo del dolce funziona sempre.

   Se vi fa piacere potete spolverare prima della cottura con poco zucchero di canna grezzo, perfetto quello delle bustine che si servono con il caffè… Donerà alla torta una piacevole crosticina golosa.

Come servirla

   La torta alle mele è buonissima quando è servita appena tiepida dopo la cottura. Se volete potete spolverarla con poco zucchero a velo, per vedere l’effetto che produrrà sulla pasta e sulle mele in superficie.

   Abbinatela poi ad un buon Prosecco servito a temperatura freschissima, farete al vostro palato un regalo meraviglioso.

   Un saluto a Gianni e Myriam, che sono passati a trovarci per tutto il fine settimana, e con cui ho condiviso questo semplice, ma magnifico dolce.

:-)

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

CANTINA LA COSTA

...ti aspettiamo per una visita a Villa Enrico!

Punto Vendita e Degustazione:
Via Bordalucchi, 3 - Fara Vicentino (VI)
Tel. 0445-397080 (c/o Casa Enrico)
Fax. 0445-398266
P. IVA 03107780243

www.cantinalacosta.com

CERTIFICAZIONE BIOLOGICA

Ente Certificatore: BIOS_S.r.l. - MAROSTICA (Vicenza)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: