Vini e profumi, un mondo da scoprire… Volete provare assieme a noi??

Proviamo a degustare un vino

Vi raccontiamo una piccola parte del nostro mondo… Chi lavora nel mondo del vino, o  in generale, con il tempo impara una cosa fondamentale: il vino e la cucina italiana sono un tesoro inestimabile che tutto il mondo ci invidia e, da bravi lavoratori, abbiamo imparato a coinvolgere tutti i sensi quando assaggiamo qualcosa di buonissimo.

Talvolta facciamo sorridere per la nostra deformazione professionale… O quantomeno destiamo curiosità per come annusiamo i vini nei calici alla ricerca dei profumi, per come discutiamo sul loro colore e sulla fluidità o per come andiamo alla ricerca dei gusti, ad esempio, in un buon Masot La Costa – Merlot Barricato del 2007.

Quando assaggiate un vino all’interno c’è un mondo di profumi e di gusti tutti da scoprire, soprattutto se è di ottima qualità… Non dovete prendere paura ascoltando i bacucconi del vino che molte volte fanno sorridere anche noi che siamo del settore… Il vino è innanzitutto piacere da condividere e molta passione!

Volete provare a riconoscere qualche profumo assieme a noi??

Ecco dunque una piccola guida per iniziare a vivere un vino in maniera molto più emozionante… Vi serviranno solamente un po’ di pazienza, un po’ di esercizio, qualche attenzione e vedrete che non è così poi difficile riconoscere un profumo all’interno di un vino.

Prova 1 – il sentore floreale

Vi ricorda qualcosa il sentore floreale? Lo si può trovare in molti vini giovani sia bianchi (acacia, biancospino…), sia rossi (violetta, rosa…). Ma cos’è il sentore floreale?? Un po’ la parola lo dice, ma se voleste realmente provare un sentore floreale provate ad entrare in un piccolo negozio di fiori e farvi avvolgere dal profumo che le piante emanano, oppure passeggiate in questi giorni di primavera in un campo fiorito o vicino alle siepi appena sbocciate… Bene, quello lo si può  ben definire un sentore floreale e potete ad esempio ritrovarlo all’interno di un bel Magioni La Costa Bio (2010), il nostro Pinot Grigio da uve a coltivazione biologica.

Prova 2 – i sentori fruttati

Se vi diciamo sentori fruttati, cosa vi viene in mente?? I sentori fruttati all’interno del vino coprono un’ampia gamma di profumi che solitamente spaziano in base alla tipologia di uve ed al grado di invecchiamento. I vini bianchi solitamente profumeranno di frutti a polpa bianca (mela, pera, banana…) mentre i rossi tenderanno più a frutti dalla polpa rossa (frutti di bosco, fragola, ciliegia…). Mentre il grado di invecchiamento di un vino spesso coincide con la maturazione dei frutti che sentirete nel vostro calice (acerbo, maturo, molto maturo, confettura…). Come si riconoscono i profumi della frutta all’interno di un vino?? Solitamente son profumi che tutti già conosciamo e che sentiamo tutti i giorni, ma potete sempre iniziare a sentire i profumi e riconoscerli dal vostro cestino della frutta o quando passeggiate ed avete la fortuna di poter cogliere la frutta fresca. Un esempio di sentori fruttati lo potere trovare nel Sarco La Costa (2007)dove si riconoscono i profumi del taglio bordolese – fragola, frutti di bosco e prugna in particolare – che grazie all’invecchiamento tendono alla confettura ed alla frutta ben matura.

Prova 3 – i sentori vegetali

Passiamo ora ai sentori vegetali… Precisamente li possiamo definire come tutti quei profumi che ricordano l’erba appena falciata, i peperoni freschi, il pomodoro e tutte le erbe aromatiche e semi-aromatiche. Anche in questo caso li potete provare e trovare molto facilmente in questa stagione, basta a volte uscire nel proprio giardino e con le mani sfiorare le foglie delle piante e le verdure dell’orto per trovarne le essenze. I sentori vegetali si trovano ad esempio in un buon cabernet giovane, noi vi invitiamo a scoprirlo nel nostro Cabernet La Costa Bio (2010).

Prova 4 – i sentori speziati

Infine proviamo a scoprire i sentori speziati… Si possono riconoscere facilmente associandoli alle spezie che solitamente usiamo in cucina (pepe nero, anice, cannella) o a tutte le essenze che solitamente profumano i nostri piatti e le nostre ricette come ad esempio la vaniglia. I sentori speziati si riscontrano spesso nei vini barricati, che dunque hanno maturato un invecchiamento in preziosi legni di rovere. Potete provare ad esercitarvi con le normali spezie che avete in cucina, facendo attenzione …EEEETCIUUUM… a non avvicinare troppo il naso. Un esempio di sentore speziato si ritrova nel Cormit La Costa (2007), dove con un po’ di attenzione si riconosce la vaniglia.

Concludendo…

un po’ di dritte ve le abbiamo lasciate… ora tocca a voi!

Ma vi ricordiamo come sempre di prendere il vino con tutta l’attenzione che merita, perchè è il frutto di storie e passione nel lavoro, ma anche come un buon compagno di convivialità e di sorrisi. Ricordandovi come sempre che il vino va bevuto con moderazione, nella quantità, ma con eccessi per quanto riguarda la qualità…

guarda il video…

Rodolfo Moro
Cantina “La Costa”
Villa Enrico
Fara Vicentino (VI)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

CANTINA LA COSTA

...ti aspettiamo per una visita a Villa Enrico!

Punto Vendita e Degustazione:
Via Bordalucchi, 3 - Fara Vicentino (VI)
Tel. 0445-397080 (c/o Casa Enrico)
Fax. 0445-398266
P. IVA 03107780243

www.cantinalacosta.com

CERTIFICAZIONE BIOLOGICA

Ente Certificatore: BIOS_S.r.l. - MAROSTICA (Vicenza)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: